04/2023 - News - Gianluca Laurentini - Fotografia di paesaggio e di viaggio

Collegamento alla pagina Facebook
Lo Stock personale sul sito dell'agenzia Clickalps
Il profilo Instagram
Il mio canale YouTube

Fotografia di viaggio e di natura

Vai ai contenuti

Menu principale:

Quell'insopportabile rumore di fondo

Gianluca Laurentini - Fotografia di paesaggio e di viaggio
Pubblicato da in Riflessioni ·
Tags: OrsoNaturaAmbiente
Qualche giorno fa un ragazzo, Andrea Papi, è stato ucciso da un orso in Val di Sole. Probabilmente lo sapevate già vista l'eco che la notizia ha avuto su tutti i canali.

Per la fine del ragazzo non si può non provare una profonda tristezza, in particolare da parte di chi è appassionato di montagna. Quella degli amanti della montagna è come una grande, immensa e bellissima famiglia i cui componenti non si conoscono tra loro, ma composta da membri che sanno che quando ci si incontra ci si saluta e che se c'è qualcosa che non va si può anche essere partiti da casa per fare l'impresa della vita, ma ci si ferma comunque ad aiutare chi è in difficoltà.
Quando succede una cosa del genere spesso chi ama davvero la montagna sta silenziosamente e rispettosamente in silenzio per rispetto della vittima e dei suoi familiari.

Quello che però è successo e che era anche facilmente prevedibile sarebbe successo è che una notizia del genere non poteva non generare un insopportabile quantità di opinioni da parte di chiunque, una sorta di rumore di fondo amplificato dai mezzi di informazione e dai social network  che di questo, purtroppo, si nutrono.

Non importa se chi sta parlando della montagna, della natura e delle leggi che la governano non sa nulla, si sentirà comunque in diritto di dire la sua opinione. E se qualcuno non vuole starla a sentire la griderà più forte affinché qualcuno la ascolti. È così che giornalisti, opinionisti, commentatori del tutto e del niente si sono schierati chi dalla parte dell'orso e chi dalla parte del ragazzo. Come se ci fosse una parte con cui stare.

In questa storia l'unica cosa evidente è che c'è stata una tragedia, che è difficile capire se poteva essere evitata perché non si sa esattamente in quali condizioni possa essere successa, ed è anche difficile capire come potrebbe essere evitata una situazione del genere in futuro senza fare una carneficina di orsi per cercare di rendere la montagna quel gigantesco luna park che tanto piace pubblicizzare alle agenzie del turismo. Ma la natura non è quella che la maggior parte delle persone pensa che sia. La natura è affascinante anche perché può essere spietata, la montagna è bella anche perché pericolosa.
Quelli che di riempiono la bocca dicendo che dovremmo imparare dagli animali dovrebbero andarli a vedere in natura per capire come funzionano realmente le cose, perché la natura è tutto fuorché quello che potete immaginare se l'avete sempre e solo vista dal divano.

Non ho sentito nessuno proporre di introdurre l'educazione ambientale nelle scuole e per le persone che vivono e frequentano quei luoghi. Alcune norme utili probabilmente mancano anche a me e se qualcuno me le insegnasse gliene sarei grato per la vita.

Non ho sentito nessuno interrogarsi su quante persone muoiano per colpa dell'orso ogni anno. In Italia quella del povero Andrea è la prima notizia che ricordi in più di 40 anni di vita, mentre qualche incontro che porta solo a un grosso spavento e a qualche ferita minore ci può essere di tanto in tanto. Nel contempo le morti causate dalle mucche sono state immensamente di più, ma in quel caso nessuno grida alla "mucca assassina" e chiede allo stato di eliminare tutte le mucche. Gli animali che provocano più vittime sono però gli insetti come le api, le vespe o i calabroni, che però fanno immensamente meno paura di un grande plantigrado come l'orso, che fondamentalmente come prima reazione ha quella di scappare quando vede l'uomo.

Infine ho imparato da questo rumore che continua a propagarsi sui media che esiste un habitat per l'uomo e uno per gli altri animali, specialmente gli orsi. Forse bisognerebbe tornare a pensare che noi siamo animali tanto quanto gli orsi, che l'uomo non è poi così diverso o più importante di un orso, una volpe, un serpente o anche di un fiore o un albero e che per questo non ha nessun diritto fondamentale in più di qualsiasi altro essere vivente. Essersi isolati dalla natura è stata una scelta di convenienza dell'uomo, ma questo non significa che la montagna non possa essere l'habitat anche dell'uomo, che rispettandola e correndo un minimo rischio non possa viverla profondamente o debba sentirsi in colpa se lo fa.

Ho sentito dire che Andrea Papi sarebbe stato avventato perché amava correre nei boschi. Anche solo il fatto che qualcuno possa pensare che correre nei boschi sia un gesto avventato mi dispiace perché vuol dire che chi pronuncia quelle parole porta una miseria nel proprio cuore per cui è impossibile non provare pena. Ogni giorno sulle strade muoiono non meno di 5 persone, quindi o questo ragazzo non era una persona poi così avventata oppure chiunque abbia anche solo messo la chiave nel quadro della macchina è un aspirante suicida e andrebbe fermato.

Lasciamo che delle montagne e degli animali si occupi chi ha le conoscenze, non la politica che risponde alla pancia della gente o gli opinionisti che vivono come sciacalli pronti ad avventurarsi sulla notizia del giorno e accettiamo le soluzioni che potranno trovare, con la speranza che si rivelino buone per una sana convivenza reciproca tra l'uomo e gli animali. Impariamo che una tragedia può non avere un colpevole da punire, che uccidere un animale è una vendetta che potrebbe risultare inutile. E poi se una persona cade su un sasso instabile che cosa facciamo? Incolliamo tutti i sassi al terreno? E se una vipera ci morde la portiamo dall'avvocato? Impariamo a vivere un luogo fondamentale come la montagna con la consapevolezza che qualche rischio si può correre e che bisogna essere preparati ad affrontare ogni situazione e, soprattutto, essere consci dei propri limiti e che per quanto la sicurezza rimanga sempre un obiettivo primario quando si va in montagna non sarà mai assoluta.



Gianluca Laurentini Photography
Tag
Manfrotto Auguri fotografico Canon vs Nikon Lumix GH6 Longanesi Interivsta Albero di Natale Luana Rigolli Eos M50 Mark II Pannelli Solari Panasonic Lumix GX800 Nikkor Z 24-70mm f/4 S 14-24mm f/2.8 DG HSM Art Lumix S 24-105mm f/4 Macro OIS RF 35mm f/1 Fotografare il cielo notturno della Sito Corso Base Alberto Ghizzi Panizza Z5 Biblioteca Aldo Fabrizi Fujinon Filtri A7R IV olympus X100V fotografo L'isola degli Arrusi Aereo Al3photo tecnica T4 Andrea Jemolo Matera Freedom Test mix Monte Viglio Roma - Dal Tramonto All'Alba Panasonic Panning Spagna EF 100-400mm f/4.5-5.6L IS II USM Camoscio Appenninico Rupicapra ornata Fujifilm GF 32-64mm f/4 R LM WR Laowa Wild Atlantic Way 2018 Canon EF 16-35mm f/2.8 L III USM Olympus X-S20 X-S10 Sigma Canon PowerShot SX730 HS Sony Sony Zeiss Vario-Tessar T* FE 24-70mm f/4 ZA OSS Galleria Lumix GX880 Canon EOS 800D Alpha 1 eur EOS R6 Camera Raw S1R Nikon Rinascimento della Fotografia Social Lazio XF 50mm f/1 R WR La solarizzazione Autunno Olympus M. Zuiko Digital ED 14-42mm f/3.5-5.6 EZ Pancake Uscita Erto Bagaglio a mano EOS R3 Lo sfocato Lo Zoom Eos M6 Mark II Ponte Sant'Angelo Cantabria Roma: Incanto e Magia Macro NiSi filters Roberto Giacobbo gallerie FF II 9mm f/5 Montagne di Luce EOS M5 EOS 90D RF 10-20mm f/4L IS STM Workshop EOS RF 28-70mm f/2L USM Dublino Basilicata Harenberg Angelo Paionni Isola di Smeraldo Neve Filtri Fotografici Monti Marsicani Fuji Praga Foto GFX50S Steve McCurry Valle del Treja Viajes Libri Intervista NiSi Holder V6 Nikon D500 Lumix TZ90 50-100mm f/1.8 DC HSM Art Lazio e Molise Arcobaleno Serata fotografica Alla Luna Sony Alpha 7S II Panasonic Lumix Vario 12-32 mm f/3.5-5.6 Corso Fotografico 6 W-Dreamer Rettilineare Castel Sant'Angelo Formato RAW Natura Palazzo Englefield Rocca Calascio e FF II 10-18mm f/4.5-5.6 C-Dreamer EOS R Lumix S5 seleziona soggetto SLT X-H2s Parco Nazionale d’Abruzzo Pixma Pro 200 Montagna Pantheon Lumix S Pro 16-35mm f/4 G 25mm f/1.7 Asph. Panasonic Leica DG Vario Elmarit 12-60mm f/2.8-4 Asph. Power OIS #dolomiti Workshop di Composizione Fotografica reflex Facebook Flickr Mostra Repubblica Ceca Puffin Isola Tiberina Roma - Dal Tramonto all'Alba Galleria Moderni Longarone Panasonic Lumix FZ82 seleziona cielo Fujifilm FinePix X100F National Geographic Corriere Canon Panasonic Lumix GH5 Diga del Vajont Scozia Gennaio Vieri Bottazzini Z 14-30mm f/4S EF-M 22mm f/2 STM Ponti NAF Logos Meridiani Montagne Gatto Prima Fotografia Notturna Cavalletto Ponte Sisto Lo scatto a raffica Reflex NiSi 15mm f/4 ASPH Aggiornamento Canon EOS M6 Casso Tamron Ceuta Wildlife Leica News Filtro Polarizzatore Focus #marmolada Letizia Battaglia EF-M 18-150mm f/3.5-6.3 IS STM Instax lago di Scanno Canon EOS 6D Mark II Prima e Dopo Fujifilm Michael Freeman Olympus Pen E-PL8 XF 150-600mm f/5 EOS R10 Cascate di Monte Gelato X-T5 EOS R8 Natale X consapevolezza Compatta Vi Racconto Una Foto P950 Cabo Mayor Dopo Abruzzo Giustizia Fotofabbrica G80 Fotografare EF-M 15-45mm f/3.5-6.3 IS STM Lightroom Guida Regali di Natale Impariamo a sfruttare il cielo in fotografia Folco Terzani Z 6II A99 II Lumix FZ1000 II Parco Nazionale dei Monti Sibillini Smartphone Tiziano Terzani Fotografi Mostre Fujifilm GF 23mm f/4 R LM WR Z50 articoli Punti di vista Massimiliano Carraglia Autofocus EOS 1DX Mark III APS-C Panasonic Lumix G Vario 45-150 mm f/4-5.6 Asph. Mega O.I.S. Panasonic Lumix G Vario 12-60mm f/3.5-5.6 Asph. Power O.I.S. Frecce Tricolori Zoom Nikkor Calendario Irlanda Stacking Composizione 1 Isola d’Elba Manfrotto OffRoad 30L Fotografia naturalistica Al3Photo Foliage Sirente Velino GND32 Soft Zero Medio Formato Amatrice EOS M50 Mark II GFX100 Fotografia Edimburgo EOS R7 Powershot SX740 HS Geotag Italia Mirrorless Gianni Riotta Meridiani GFX50R RAW Bridge I segreti delle schede di memoria fujifilm Terremoto Sera Fotografia di Paesaggio Canon PowerShot G7 X Mark III Raymasters Camera Filters Z9 Lumix Canon EOS 77D Proiezione Friuli Venezia Giulia fotografia Fondazione Don Luigi di Liegro Pro3 EOS R5 Nick Ut naturalista Panasonic Lumix FZ2000 om XF 8-16mm f/2.8 R LM WR Ambiente Z 16-50mm f/3.5-6.3VR Lago di Pilato Francesco Gola Altrephoto Tamron 150-600mm f/5.6-6.3 Di VC USD G2 Orso Corso Intermedio RF 24-105mm f/4 L IS USM etica Euronews Raymaster Photoshop Raymasters Nikkor 18-35mm f/3.5-4.5 G Z fc Pulcinelle di mare Cow Un mondo che non esiste più Scotland Almanacco di Fotografare Lago di Braies Editoriale Articolo Palmarola Panasonic Lumix G 14-140mm f/3.5-5.6 Asph. Power O.I.S. Tiberina XF 23mm f/1.4 R LM WR Belluno Postcart Foro Romano Tempo di Scatto Pubblicazioni fotografiamo.net Regola dei Terzi Clickalps Gallerie Ora Blu GFX100 II Light Painting Fondazione di Liegro Appennini Isola Mirino Pentax Gianni Berengo Gardin XF 16mm f/2.8 R WR Appennino Centrale T3 Castello del Volterraio D780 XF 70-300mm f/4-5.6 R LM OIS WR X-E4 HDR mirrorless Pentax K1 Lo scatto remoto Daniele Nardi Mondadori Alba D850 Guida Mercato Ponza sviluppo Roberto Moiola EF 85mm f/1.4L IS USM Ecologia GFX100S Canon EF 35mm f/1.4L II USM Nikkor Z DX 50-250mm f/4.5-6.3 VR Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini Tevere Canon EOS 5D Mark IV Nature Campidoglio Articoli Stock GFX50S II Upter Highlands 6-8 R LM OIS WR Monte Toc Officine Fotografiche Cambiamento Climatico Vajont Lu smartphone Pentax D-FA 50mm f/2.8 Macro GFX50s Roma Nikkor 16-80mm f/2.8-4 E ED VR DX Fotografiamo.net Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga Diaframma Piazza di Spagna 8 Macro IS STM Bianco e Nero GF 45mm f/2.8 R WR Lumix G90 Photojournal.it Febbraio Naf gratis Fragments of Scotland Large Format L'occhio del Fotografo sviluppo RAW Z 28mm f/2.8 SE blade runner bridge Adobe Camera RAW
© Gianluca Laurentini (P. Iva 11415451001)
Scaricare e riprodurre le foto ed i testi di questo sito senza l'esplicito consenso dell'autore è illegale e sarà perseguito a norma di legge.
Torna ai contenuti | Torna al menu