Articoli - News - Gianluca Laurentini - Fotografia di viaggio e di natura

Collegamento alla pagina Facebook
Collegamento al portfolio 500px
Lo Stock personale sul sito dell'agenzia Clickalps
Il profilo Instagram
La pagina Google Plus
Il mio canale YouTube

Fotografia di viaggio e di natura

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il mio ricordo di Daniele Nardi

Gianluca Laurentini - Fotografia di viaggio e di natura
Pubblicato da in Articoli ·
Tags: MontagnaDaniele Nardi

Poco più di 10 anni fa all'università incontrai un ragazzo di nome Claudio, avevamo la stessa passione per la fotografia e dopo poco tempo ho scoperto che anche lui come me amava la montagna. Mi raccontò che il fratello era un alpinista e mi disse che si chiamava Daniele. Non avevo idea di chi fosse, ma da quel giorno ho cominciato a seguire le avventure di Daniele Nardi, questo il suo nome completo.

Con Claudio ci siamo persi di vista, ma io ogni volta che sentivo pronunciare il nome del fratello non potevo far altro che fermarmi ed ascoltare dove fosse e cosa stesse facendo.

Aveva già portato avanti imprese incredibili pur partendo da un paesino non distante da Roma. La cima più alta nei dintorni del suo paese può scalarla anche un bambino senza problemi, eppure era arrivato in cima al mondo. Unico italiano del centro-sud Italia ad essere arrivato in cima all'Everest e ad altri 8000.
Non esisteva neanche una pagina Wikipedia a lui dedicata, ma per fortuna su Facebook capitava di sentirlo parlare di montagna grazie ai link alle sue interviste in radio e TV ed era uno spettacolo ascoltarlo.

Purtroppo però il pubblico non sapeva nemmeno chi fosse fino a pochi giorni fa. Un paese, l'Italia, che non celebra mai abbastanza i suoi eroi al momento giusto, ma ha bisogno di far passare del tempo prima di accorgersi quanto siano stati grandi. D'altra parte un altro grande alpinista come Simone Moro è divenuto noto al pubblico solo grazie ad uno dei programmi più brutti mai prodotti sulla montagna, ma trattandosi di TV generalista il suo nome è arrivato alle masse.

Anche se tutto oggi sembra perduto la speranza di ritornare a sentirlo parlare di montagna con quella luce negli occhi che solo chi ama profondamente la montagna può avere rimane in un angolino del cuore anche se è ormai sparita dalla testa.

Questa foto del Parco del Sirente Velino, una montagna che non è nemmeno lontanamente paragonabile al Nanga Parbat sul quale è ancora disperso, è quindi dedicata a Daniele Nardi, grande alpinista italiano che ci ha regalato tante emozioni super positive, non solo l'angoscia di questi giorni.



Un nuovo sviluppo RAW disponibile!

Gianluca Laurentini - Fotografia di viaggio e di natura
Pubblicato da in Articoli ·
Tags: tecnicafotografiaRAWsviluppo RAWPrima e DopoCabo MayorSpagnaCantabria
Da quando ho inserito in una pagina del mio sito alcuni esempi di file RAW prima e dopo il loro sviluppo, quella pagina è risultata essere una delle più viste del mio sito. Molte le persone l'hanno trovata anche semplicemente facendo una ricerca su internet. A settembre con la pubblicazione di un nuovo "prima e dopo" di una foto scattata al Lago di Scanno in pieno inverno pensavo che il numero di esempi fosse sufficiente e quindi ho valutato la possibilità di non aggiungere più nulla di nuovo a questa pagina perché sentivo di aver chiarito a sufficienza il concetto che volevo evidenziare.
 
Durante il mio recente viaggio in Spagna mi trovavo nei pressi di Cabo Mayor, uno dei fari più famosi della Cantabria, e ho scattato una foto in condizioni di luce molto difficili. Direi estreme. Guardando l'istogramma dopo lo scatto sapevo di dovermi fidare di quel che leggevo, eppure non mi sentivo tranquillo di quello che avevo scattato e avevo la curiosità di capire se avevo scattato una buona foto oppure preso una immensa cantonata.

Una volta tornato a casa per fortuna i concetti che utilizzo ed insegno nei corsi e nei workshop si sono rivelati esatti e la foto che volevo scattare è venuta fuori naturalmente, senza grandi complicazioni nello sviluppo. Nascosta dietro a tutta quella luce c'erano i colori, i contrasti e i dettagli che avevo visto durante lo scatto. L'esempio è così al limite che ho pensato che un'eccezione dovevo farla per forza, così vi consiglio di andare a vedere questa foto prima e dopo lo sviluppo.

Come al solito è possibile navigarci sopra decidendo di vedere l'una, l'altra o entrambe a confronto.






55 anni di Vajont

Gianluca Laurentini - Fotografia di viaggio e di natura
Pubblicato da in Articoli ·
Tags: VajontFotografiaErtoCassoMonte TocLongarone
9/10/1963 – 9/10-2018

Il 20 settembre 2017 sono stato per la prima volta a visitare la diga del Vajont. Come mi capita spesso quando vado a visitare qualcosa di importante ero piuttosto preparato sulla storia del luogo. Avevo visto decine di fotografie e di filmati recenti e d’epoca ed avevo letto vari articoli. Per questo una volta arrivato sul posto, nonostante non ci fossi mai stato prima, ho avuto una strana sensazione di familiarità. Insomma ero pronto a trovarmi al cospetto della maestosità della diga, che con i suoi 261 metri e 60 centimetri, è ancora in piedi. Ero pronto, per quanto lo si possa essere, a vedere l’imponenza della frana del Monte Toc che ha causato la tragedia. Però non ero pronto alla scena che mi si è palesata davanti quando, parcheggiando su una parte della frana, mi sono trovato di fronte alla nebbia posata all’interno della vallata che in qualche modo mi ha imposto di pensare che lì, proprio al posto di quella nebbia, fino a quella sera c’era un lago. Lì dove potevo vedere ora la nebbia fino alle 22:39 di quel maledetto 9/10/1963 c’era l’acqua. Quell’acqua che, a causa della frana del Monte Toc (260 milioni di metri cubi di roccia caduti a circa 100 km/h di velocità all’interno di un lago di 115 milioni di metri cubi, nelle proporzioni una palla di bowling che cade su una tazza di latte), ha provocato una tragedia di quasi 2000 morti, dei quali circa un quarto aveva meno di 15 anni d’età. Un paese in Veneto, Longarone e le sue frazioni, completamente spazzato via. Due paesi in Friuli, Erto e Casso, che sono stati raggiunti, ed in parte distrutti, da un’ondata d’acqua nonostante si trovassero di fronte al monte Toc ben al di sopra del lago. D’altra parte ho letto che qualcuno stima in 250 metri di altezza l’ondata di piena che si è originata a causa della frana.
La diga è ancora lì, ha retto a forze neanche prese in considerazione in fase di progetto, ma la visione che non dimenticherò mai è questa: perché ad un impatto del genere non ci si può preparare.




Un nuovo "Prima e Dopo" sul Lago di Scanno

Gianluca Laurentini - Fotografia di viaggio e di natura
Pubblicato da in Articoli ·
Tags: tecnicafotografiaRAWsviluppo RAWPrima e Dopolago di Scanno
All'apprezzato articolo di tecnica nel quale mostro alcune foto prima e dopo lo sviluppo del file RAW ho inserito un nuovo esempio di una fotografia scattata al Lago di Scanno in pieno inverno.
Per vedere l'articolo è sufficiente cliccare qui.




File RAW: Prima e Dopo lo sviluppo

Gianluca Laurentini - Fotografia di viaggio e di natura
Pubblicato da in Articoli ·
Tags: tecnicafotografiaRAWsviluppoRAWPrimaeDopo
Ho inserito un articolo nel quale mostro le fotografie prima e dopo lo sviluppo RAW per mostrare il processo che c'è dietro le mie fotografie.




Intervista a Roberto Moiola

Gianluca Laurentini - Fotografia di viaggio e di natura
Pubblicato da in Articoli ·
Tags: IntervistaRoberto Moiolafotografiamo.net
Per il blog fotografiamo.net ho pubblicato la mia prima intervista. Una chiacchierata molto bella e interessante sul mondo della fotografia con Roberto Moiola, fotografo di paesaggio e presidente dell'agenzia Clickalps.
Per leggerla è sufficiente cliccare qui.




Il Rinascimento della Fotografia passerà per un nuovo smartphone? Ma siamo seri per favore!

Gianluca Laurentini - Fotografia di viaggio e di natura
Pubblicato da in Articoli ·
Tags: Rinascimento della Fotografiasmartphone
Ho scritto un nuovo articolo sull'importanza dell'uomo rispetto al mezzo fotografico prendendo spunto da un pubblicità, per leggere l'articolo clicca qui.




E se le macchine fotografiche costassero troppo poco?

Gianluca Laurentini - Fotografia di viaggio e di natura
Pubblicato da in Articoli ·
Tags: articolireflexsmartphoneolympusom1eurblade runnerconsapevolezza
Un articolo nato da una riflessione durante una passeggiata primaverile. Il titolo è ovviamente una provocazione, ma nata per offrire un diverso punto di vista alla situazione attuale.

Per leggerlo cliccate qui.





Il cavalletto si può portare nel bagaglio a mano?

Gianluca Laurentini - Fotografia di viaggio e di natura
Pubblicato da in Articoli ·
Tags: CavallettoAereoBagaglio a manoarticoli
Ho inserito un nuovo articolo sul mio sito per fare chiarezza su una questione che troppo spesso viene trattata con superficialità su internet: è veramente possibile portare con sé il cavalletto nel bagaglio a mano?




Euronews: una foto vale più di mille parole

Gianluca Laurentini - Fotografia di viaggio e di natura
Pubblicato da in Articoli ·
Tags: ArticoliEuronews
Ho inserito un nuovo articolo sul mio sito nato da una riflessione su un'usanza della rete all news europea Euronews. Per saperne di più leggete l'articolo.




L'importanza di continuare a studiare!

Gianluca Laurentini - Fotografia di viaggio e di natura
Pubblicato da in Articoli ·
Dopo una serie di esperienze che si sono succedute negli ultimi mesi ho scritto un articolo sull'importanza della formazione continua in fotografia. Per leggerlo è sufficiente cliccare qui.




Facebook non è più gratuito per i fotografi!

Gianluca Laurentini - Fotografia di viaggio e di natura
Pubblicato da in Articoli ·
Tags: FacebookgratisFotografiFlickr
Da qualche tempo il cambio di algoritmo da parte di Facebook ha mandato in agitazione il mondo dei fotografi che fatica a ricevere visibilità se non è disposta a pagare. Ho scritto una piccola riflessione per capire come stanno le cose, per leggerla basta cliccare qui.




L'etica del fotografo naturalista

Gianluca Laurentini - Fotografia di viaggio e di natura
Pubblicato da in Articoli ·
Tags: Articolieticafotografonaturalista
Torna sul mio sito uno degli articoli più letti in passato. Una breve riflessione sull'etica che dovrebbero mantenere i fotografi naturalisti.

Per leggere l'articolo clicca qui.





La sezione articoli è stata rinnovata

Gianluca Laurentini - Fotografia di viaggio e di natura
Pubblicato da in Articoli ·
Tags: Articoli
La sezione "Articoli" del sito è stata rinnovata, presto numerose novità in questa sezione da sempre molto apprezzata da voi!
Tutte le novità le trovate su questa pagina.



Quando scattiamo godiamoci il momento!

Gianluca Laurentini - Fotografia di viaggio e di natura
Pubblicato da in Articoli ·
Tags: ArticoliArticoloLago di BraiesFotografia
Una breve riflessione sul rapporto fra l'istante vissuto e la fotografia.

Per leggere l'articolo clicca qui.





Vajont - 54 anni dopo

Gianluca Laurentini - Fotografia di viaggio e di natura
Pubblicato da in Articoli ·
Tags: VajontFotografiaErtoCassoLongarone


9/10/1963 – 9/10-2017

Il 20 settembre 2017 sono stato per la prima volta a visitare la diga del Vajont. Come mi capita spesso quando vado a visitare qualcosa di importante ero piuttosto preparato sulla storia del luogo. Avevo visto decine di fotografie e di filmati recenti e d’epoca ed avevo letto vari articoli. Per questo una volta arrivato sul posto, nonostante non ci fossi mai stato prima, ho avuto una strana sensazione di familiarità. Insomma ero pronto a trovarmi al cospetto della maestosità della diga, che con i suoi 261 metri e 60 centimetri, è ancora in piedi. Ero pronto, per quanto lo si possa essere, a vedere l’imponenza della frana del Monte Toc che ha causato la tragedia. Però non ero pronto alla scena che mi si è palesata davanti quando, parcheggiando su una parte della frana, mi sono trovato di fronte alla nebbia posata all’interno della vallata che in qualche modo mi ha imposto di pensare che lì, proprio al posto di quella nebbia, fino a quella sera c’era un lago. Lì dove potevo vedere ora la nebbia fino alle 22:39 di quel maledetto 9/10/1963 c’era l’acqua. Quell’acqua che, a causa della frana del Monte Toc (260 milioni di metri cubi di roccia caduti a circa 100 km/h di velocità all’interno di un lago di 115 milioni di metri cubi, nelle proporzioni una palla di bowling che cade su una tazza di latte), ha provocato una tragedia di quasi 2000 morti, dei quali circa un quarto aveva meno di 15 anni d’età. Un paese in Veneto, Longarone e le sue frazioni, completamente spazzato via. Due paesi in Friuli, Erto e Casso, che sono stati raggiunti, ed in parte distrutti, da un’ondata d’acqua nonostante si trovassero di fronte al monte Toc ben al di sopra del lago. D’altra parte ho letto che qualcuno stima in 250 metri di altezza l’ondata di piena che si è originata a causa della frana.
La diga è ancora lì, ha retto a forze neanche prese in considerazione in fase di progetto, ma la visione che non dimenticherò mai è questa: perché ad un impatto del genere non ci si può preparare.



Secondo te è meglio Canon o Nikon?

Gianluca Laurentini - Fotografia di viaggio e di natura
Pubblicato da in Articoli ·
Tags: Canon vs NikonArticoliCanonNikonPentaxFujiFujifilmOlympusPanasonicLeica
Quante volte ci siamo sentiti porre questa domanda? Magari qualche volta siamo stati noi stessi a porla a qualcuno quando abbiamo mosso i primi passi nel mondo della fotografia.
Una piccola riflessione per capire perché non dobbiamo chiederci se "secondo te è meglio Canon o Nikon".





Il cavalletto e i difficili rapporti con la giustizia

Gianluca Laurentini - Fotografia di viaggio e di natura
Pubblicato da in Articoli ·
Tags: CavallettoGiustiziaRomaPantheonHDRFotografia Notturna



La regola dei terzi: la regola base della composizione fotografica

Gianluca Laurentini - Fotografia di viaggio e di natura
Pubblicato da in Articoli ·
Tags: Regola dei TerziComposizioneFotografia
Torneranno a breve sul mio sito gli articoli che avete imparato ad apprezzare in passato, ma torneranno in una versione riveduta, aggiornata e corretta per cui anche chi li ha letti potrà trovare delle nuove informazioni.
Il primo articolo che potrete leggere è stato fra i più letti negli anni passati: "LA REGOLA DEI TERZI: LA REGOLA BASE DELLA COMPOSIZIONE FOTOGRAFICA", per poterlo leggere clicca qui.




Gianluca Laurentini Photography
Tag
Autunno mirrorless Impariamo a sfruttare il cielo in fotografia S1R Aereo Lumix TZ90 e 1 fotografico Prima Bridge Al3Photo Cavalletto Manfrotto Canon EOS 800D Alla Luna Panasonic Lumix GH5 Naf Canon SLT Leica Logos Gianni Riotta Fujifilm GF 23mm f/4 R LM WR Zoom Lu Mirino Smartphone Italia Praga G80 Roberto Moiola fotografiamo.net Canon EOS 5D Mark IV Al3photo Nikon D500 Foliage Light Painting Panasonic Lumix GX800 Abruzzo Palazzo Englefield Filtro Polarizzatore Clickalps tecnica smartphone Reflex Irlanda Euronews 14-24mm f/2.8 DG HSM Art Lo sfocato Fotografia Daniele Nardi Wild Atlantic Way Sony Alpha 7S II Canon vs Nikon Roma - Dal Tramonto all'Alba EOS M5 fotografia Febbraio Sony Lago di Braies Altrephoto Stock etica GF 45mm f/2.8 R WR Pentax K1 consapevolezza naturalista Raymasters Nikkor Highlands Workshop di Composizione Fotografica Andrea Jemolo Mostra Panasonic Leica DG Vario Elmarit 12-60mm f/2.8-4 Asph. Power OIS Michael Freeman Roma: Incanto e Magia EOS R Pentax D-FA 50mm f/2.8 Macro Panning Steve McCurry Scotland Fotografia Notturna Biblioteca Aldo Fabrizi Canon EOS M6 Dopo Panasonic Lumix G Vario 45-150 mm f/4-5.6 Asph. Mega O.I.S. A99 II Photojournal.it Fujifilm Olympus Natale Giustizia Lo scatto remoto NAF Castel Sant'Angelo Fotografi Composizione X Galleria Moderni Tempo di Scatto Cantabria gratis Test Facebook Erto Panasonic Lumix G Vario 12-60mm f/3.5-5.6 Asph. Power O.I.S. Sigma Mostre Almanacco di Fotografare Calendario Mondadori Palmarola Fujifilm GF 32-64mm f/4 R LM WR Tiberina Geotag Pulcinelle di mare blade runner Autofocus Lumix G90 Isola Canon EF 16-35mm f/2.8 L III USM Raymasters Camera Filters I segreti delle schede di memoria Raymaster Gennaio Upter Rocca Calascio Corriere Matera Panasonic Lumix FZ2000 Fotografiamo Tamron Puffin Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga Manfrotto OffRoad 30L Vajont Intervista Ponte Sant'Angelo Articolo fotografo Libri Isola di Smeraldo HDR eur olympus EF 100-400mm f/4.5-5.6L IS II USM lago di Scanno Lazio Mirrorless Fuji mix Spagna Cabo Mayor Valle del Treja Bianco e Nero Neve Auguri Uscita Arcobaleno Officine Fotografiche Foto Montagna RAW Pantheon Bagaglio a mano Longarone Fondazione Don Luigi di Liegro Filtri Panasonic Lumix Vario 12-32 mm f/3.5-5.6 Flickr Longanesi Photoshop reflex Sito Fujifilm FinePix X100F Fotografare D850 Corso Intermedio Nikkor 18-35mm f/3.5-4.5 G Canon EOS 77D Un mondo che non esiste più Ponti Edimburgo GFX50s Galleria 2018 Corso Fotografico Lo Zoom Folco Terzani Tiziano Terzani Nikon Ora Blu Ponza Nikkor 16-80mm f/2.8-4 E ED VR DX Cow News Olympus Pen E-PL8 Powershot SX740 HS Workshop Repubblica Ceca Fotografare il cielo notturno Scozia Fujinon Roma - Dal Tramonto All'Alba Nature Dublino Sony Zeiss Vario-Tessar T* FE 24-70mm f/4 ZA OSS Regola dei Terzi Cascate di Monte Gelato Canon PowerShot SX730 HS Medio Formato articoli Lo scatto a raffica T3 Sera Aggiornamento Basilicata Proiezione Ponte Sisto Canon EOS 6D Mark II Formato RAW GND32 Soft Zero GFX50S Focus Pubblicazioni Punti di vista gallerie Diaframma GFX100 Corso Base Rinascimento della Fotografia Panasonic Lumix G 14-140mm f/3.5-5.6 Asph. Power O.I.S. Postcart Articoli Montagne di Luce sviluppo RAW Gallerie Angelo Paionni Tevere Olympus M. Zuiko Digital ED 14-42mm f/3.5-5.6 EZ Pancake om sviluppo L'occhio del Fotografo Fragments of Scotland Roma Panasonic Lumix FZ82 GFX50R Tamron 150-600mm f/5.6-6.3 Di VC USD G2 Canon EF 35mm f/1.4L II USM della Filtri Fotografici Prima e Dopo Fotografiamo.net Panasonic Pentax Stacking Compatta Serata fotografica Casso La solarizzazione Monte Toc
© Gianluca Laurentini (P. Iva 11415451001)
Scaricare e riprodurre le foto ed i testi di questo sito senza l'esplicito consenso dell'autore è illegale e sarà perseguito a norma di legge.
Torna ai contenuti | Torna al menu